#IoRestoInSala

La Storia è fatta di date e domenica 23 febbraio 2020 è una data che rimarrà nella storia: è il giorno in cui la luce degli schermi cinematografici si è spenta, assieme al fascio luminoso dei proiettori. Niente più locandine, strilli, anteprime, ospiti, presentazioni, tappeti rossi o prime visioni. Solo il buio. Ma ora, in attesa di notizie certe sulla riapertura dei cinema, è arrivato il momento di consegnare alla memoria un’altra data: quella di una piccola/grande rivoluzione sotto il segno dell’imprenditoria culturale.

 

Un gruppo di esercenti (71, in questo momento tra cui anche Cinemazero) con la collaborazione di un gruppo di distributori ha infatti immaginato un nuovo orizzonte per le sale cinematografiche e per la proposta legata ai film di qualità. Una proposta che difenda la cultura del cinema in sala e si proietti, al tempo stesso, nel futuro, anche attraverso il web. L’idea può sembrare utopistica, forse, ma si basa su una missione concreta: portare avanti lo storico legame tra i cinema e i propri spettatori anche in questo momento di black out, superando l’antinomia atavica tra le sale e il web.

 

Ed ecco, quindi, dal 26 maggio #iorestoinSALA: un progetto di cinema partecipato, una realtà, dove il cinema non si trasferisce sulla rete ma dove la rete diventa il cinema. Anzi: diventa la sala. Decine e decine di sale, quante sono le città che aderiscono al progetto e che si vorranno, via via, aggiungere. Perché il cinema senza i cinema non può esistere! E quando i cinema “fisici” verranno riaperti, #iorestoinSALA rappresenterà un completamento, un valore aggiunto, un’opportunità per vivere ancora di più il cinema.

#iorestoinSALA, inizierà la sua programmazione con quattro film che rispecchiamo in toto il senso e la filosofia del progetto. Quattro film che nelle sale italiane di qualità avrebbero trovato un loro pubblico -  se vi fossero potuti approdare! - e che lo troveranno ora nelle sale virtuali del nuovo circuito.

Stiamo parlando di Favolacce dei Fratelli D’Innocenzo, premiato a Berlino con l’Orso d’Argento, lo struggente e nostalgico Tornare di Cristina Comencini, Georgetown, attesissimo debutto di Christoph Waltz dietro la macchina da presa, e In viaggio verso un sogno, gioiello indie con Shia LaBeouf firmato a quattro mani da Tyler Nilson e Michael Schwartz e considerato dalla critica americana uno dei dieci migliori film indipendenti dell’anno.

 

DOVE?

 

Per lo spettatore cinematografico non cambierà nulla. Il luogo dove vivere le emozioni cinematografiche è sempre il proprio cinema del cuore. Lo spettatore acquisterà il biglietto dal sito internet del suo cinema di riferimento e a ogni spettatore sarà assegnato un codice che corrisponde al suo posto assegnato nella sala virtuale. Ogni sala del cinema avrà quindi un suo proprio corrispettivo virtuale con lo stesso numero di posti a sedere. I film verranno proposti con degli orari precisi in base a delle fasce orarie. Tutto questo sarà possibile grazie ad un accordo con MyMovies. Ogni cinema digitale simulerà la visione di un film in sala, con posti assegnati e streaming a orari prestabiliti. Sarà possibile vedere gli altri spettatori in sala, fare amicizia, conversare in chat con il vicino di poltrona e commentare il film.

 

COME?

 

Il servizio sarà accessibile dai seguenti dispositivi: 

- TV

- Windows 10 / 8.1 / 8 / 7 (Edge 81/80; Firefox 76/68; Chrome 81/75*)

- Mac Catalina / Mojave / Sierra / El Capitan / Yosemite / Mavericks (Safari 13/10.1; Edge 81/80; Firefox 76/68; Chrome 81/75*)

- iPhone 11 / 8 / XS / XR / 7 (12) / 6S (12) / SE (11) / 6 (11) (Safari)

- iPad Pro / 7 / 6 / 5 / 7 (12) / 6S (12) / SE (11) / 6 (11) (Safari)

- Android 10 / 9 / 8 (Chrome)

- Chromecast (da Android, PC, Mac)

- Apple TV (da iPhone, PC, Mac)

*scelta consigliata

 

QUANTO?

 

I prezzi dei biglietti sono stati immaginati tenendo conto delle tariffe esistenti sulla rete: andranno, cioè, da un minimo di € 3,00 ad un massimo di € 7,90.  Ad incassare sarà il singolo cinema come è sempre avvenuto. L’importo sarà poi rendicontato al distributore secondo gli accordi di noleggio. La vendita verrà registrata su Borderò seguendo la trafila classica. Tutto come sempre! La prevendita avrà inizio giovedì 21 maggio.